Curriculum e pubblicazioni

della prof. Gavina Cherchi

 

 

a) studi

Gavina Luigia Giuseppina Cherchi è nata a Sassari il 4 giugno 1957. Si è laureata in Filosofia all’Università di Pisa nel 1982 sotto la guida di Vittorio Sainati. Nel 1984 ha vinto una borsa di studio del MPI per seguire un corso di dottorato all’estero. Ammessa, a partire dal 1985/86, al corso di PhD presso il Warburg Institute/Università di Londra, nel 1994 ha ivi discusso la dissertazione di Dottorato dal titolo Atheism, Dissimulation and Atomism in the Philosophy of J. Toland, conseguendo il relativo titolo di “Philosophy Doctor in Combined Historical Studies”. Dall’a.a. 1988/89 al 1990-91 ha insegnato a contratto Iconologia e iconografia presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Udine, e per l’a.a. 1993-4 Storia della metodologia della scienza presso l’Università di Sassari.
Dal settembre del 1998 è Ricercatore di Filosofia teoretica presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Sassari (Dipartimento di Studi Filosofici, Artistici, Etnoantropologici e Filologici) dove, nell’a.a. 1999/2000 ha insegnato Ermeneutica filosofica, e, a partire dall’a.a. 2000/2001, per supplenza, Estetica. Nel 2002 è diventata Ricercatore confermato.
Ė socio fondatore dell’Associazione ‘Warburg Italia’ istituita a Siena nel maggio del 1999.

Ha tenuto seminari presso la Scuola Normale Superiore di Pisa, presso il Warburg Institute di Londra e a Pisa, Grosseto, Tempio Pausania, Parma, Siena, Mantova.
La sua ricerca scientifica è caratterizzata da una costante contaminazione fra il mondo della parola e il mondo delle immagini, fra storia delle idee, iconologia e riflessione filosofica. Si tratta pertanto di una ricerca poliprospettica orientata da una serie di tematiche diverse ma fra loro osmoticamente correlate: “Lucrezio e il libero pensiero europeo”, “Immagini della follia”, “Simulazione e dissimulazione”, “Iconoclastia e iconofilia”, “L’immagine e l’ombra”.


d) pubblicazioni

1. Satira ed enigma. Due saggi sul ‘Pantheisticon’ di J. Toland (Lucca 1985);

2. Theophrastus redivivus, ‘Teoria’ V (1985), pp. 183-87;

3. Recensione a S.H. Daniel, J. Toland. His Methods, Manners and Mind, Kingston and Montreal, 12984, in “Teoria”, VI (1986), pp. 191-95;

4. Atomism between Orthodoxy and Heterodoxy, “Teoria”, IX (1989), pp. 187-213;

5. ‘Pantheisticon’. Eterodossia e dissimulazione nella filosofia di J. Toland (Pisa, 1990);

6. Atheism, Dissimulation and Atomism in the Philosophy of J. Toland (Diss. London 1994).

7. Poesia, scienza, filosofia: Epicuro e Lucrezio in Inghilterra fra Sei e Settecento, “Il lettore di provincia”, sett. 1995, XXVI, fasc. 93, pp. 3-30;

8. Il Cervo e il Dragone. Simboli cristiani e immagini cosmiche sulla facciata della Pieve di San Casciano di Cascina (Pisa 1995);

9. ‘Simulacra Lucretiana’. Lucrezio illustrato: alcuni esempi in Francia, Olanda e Inghilterra fra Cinque e Settecento, in L'oggetto libro '97, ed. S. Bonnard, Milano 1997, pp. 90-101;

10. Il Cervo e il Dragone. Simboli cristiani e immagini cosmiche sulla facciata della Pieve di San Casciano di Cascina, II^ ed. ampliata e corretta (Pisa 1998);

11. Due recenti volumi di Vittorio Sainati: Dall’idealismo all’ermeneutica, ETS Pisa 1999, e Logica e filosofia, ETS Pisa 2000, in “Quaderni Sardi di Filosofia, Letteratura e Scienze Umane”, n. VIII, 2000/2001, pp. 160-173;

12. Tra le immagini. Ricerche di ermeneutica e iconologia, Cadmo, Firenze 2002.